Il futuro di Spa e Beauty Center dopo il Coronavirus

27/05/20

Se stai leggendo questo articolo, anche tu sei pienamente consapevole che l’emergenza sanitaria del Covid-19 ci ha cambiati e che, in futuro, non potremo fingere che nulla sia successo. Nella sua drammaticità, ci ha insegnato molto e ci ricorda, oggi più che mai, l’importanza di sapersi adattare ai cambiamenti, di saper vivere con lucidità il “qui e ora” con uno sguardo ottimista verso il futuro, di sapersi riorganizzare con scopi e obiettivi nuovi.

 

Non solo, per tutti noi operatori del mondo del Wellness arriva una grande sfida: i bisogni dei nostri clienti sono cambiati; a noi la capacità di saperli cogliere e soddisfare, dando il massimo della nostra professionalità affinché benessere e salute siano al centro della nostra offerta.

Abbiamo raccolto domande e perplessità dei nostri clienti, per condividerle anche con te e fornirti spunti utili per una riapertura tanto attesa quanto delicata.

 

“E’ davvero importante riaprire quanto prima le spa? Oppure il mercato lo riterrà un servizio superfluo del quale possa fare a meno?”

La riapertura degli spazi dedicati al benessere della persona è fondamentale perché si tratta di luoghi dove le persone potranno usufruire di soluzioni per il rinforzo dell’organismo.

Pensa alla sauna finlandese: grazie ai suoi 90 gradi di calore secco, favorisce l’eliminazione di tossine e metalli pesanti, allenando l’apparato cardiocircolatorio e respiratorio e stimolando l’ossigenazione di tessuti e organi vitali. Una seduta in sauna equivale ad una corsa intensa, produce endorfine e favorisce una condizione fisica favorevole per un sistema immunitario reattivo ed efficiente.

Glamour Collection by Starpool Wellness Concept

 

Anche il bagno di vapore, con suoi 45 gradi di calore e massima umidità, svolge un ruolo fondamentale nella salute del tuo cliente: respirare aria umida permette di ammorbidire e rinforzare le vie respiratorie, rinnova la pelle ed elimina le impurità accumulate.

“Come potrò garantire la massima sicurezza ai clienti che accedono alla mia spa?”

Il mercato assumerà inevitabilmente, almeno in una fase iniziale che potrebbe però durare alcuni mesi, le forme dell’offerta “private”, con un’attenzione all’igiene ancora più marcata e la riorganizzazione degli spazi e dei servizi offerti.

Con qualche accorgimento e una grande cura per la salute e il benessere dei propri clienti, sarà però possibile riprendere l’attività con successo:

  • Gestisci le aree condivise della spa come spazi privati da vivere su appuntamento
  • Affidati ad una “personal spa trainer” che possa accogliere i tuoi ospiti e li accompagni nel percorso spa, dando valore alle tue attrezzature e configurando percorsi mirati agli obiettivi specifici di ognuno.
  • Se gestisci un hotel, adibisci una o più camere a “private spa”, dotandole di sauna e bagno turco
  • Assicurati di garantire ai tuoi spazi una corretta areazione e disinfezione costante

“Gestisco un centro estetico. Come devo organizzarmi per la riapertura dopo questa emergenza sanitaria?”

Il centro estetico, come la spa, dovrà adottare alcuni accorgimenti al fine di offrire un servizio che tuteli il benessere, la salute e la sicurezza degli ospiti: gestire appuntamenti ben organizzati, evitare assembramenti nelle aree di attesa, garantire una corretta areazione e disinfezione degli spazi.

Attenzione ai tuoi collaboratori! Non c’è più spazio per l’improvvisazione: servono conoscenza, professionalità, organizzazione e competenze comprovate nella cura della persona. Diventerà fondamentale essere in grado di trasferire sicurezza e serenità non solo nella fase di vendita del trattamento, ma e soprattutto durante il trattamento stesso.

Attenzione anche alle attrezzature! Sappiamo bene sarà difficile pensare a nuovi investimenti, ma oggi più che mai è necessario dotarsi di attrezzature che ti permettano di integrare la salute psico-fisica alla bellezza e all’estetica.

“Il modo di farsi pubblicità e comunicare la propria struttura dovrà cambiare?”

Si, assolutamente sì. Siamo tutti provati da un’emergenza che ci ha travolto e che ha riversato su di noi tanta preoccupazione per il futuro, per i nostri cari, per il nostro lavoro, per la nostra libertà. La comunicazione dell’offerta benessere dovrà essere chiara, efficace, mirata, attuale e, soprattutto, sincera.

 

Basta alle promesse di risultati veloci e trattamenti miracolosi. Ogni anello nella catena del benessere ha il compito fondamentale di “educare” il mercato ad una scelta consapevole verso il benessere più profondo. Noi produttori dovremo farlo proponendo attrezzature e soluzioni innovative, come il galleggiamento asciutto, e supportando i nostri clienti con attività di formazione adeguate ed efficaci. I centri estetici e le spa dovranno farlo comunicando nel modo corretto l’offerta benessere e rinnovando il proprio menu, integrandolo con trattamenti che agiscano sulla dimensione psico-fisica del benessere e che siano scientificamente testati.

“Come posso trasferire velocemente alle mie clienti l’importanza di prendersi cura del proprio corpo, ma anche della propria mente?”

Noi riteniamo che l’emergenza Covid-19 abbia fatto gran parte del lavoro. Tutti noi abbiamo capito l’importanza della propria salute e la stretta relazione tra l’attitudine mentale e la conseguente capacità o incapacità di adattarsi con consapevolezza e serenità ad una situazione difficile.

 

Ti consigliamo di adottare un linguaggio semplice e sincero, ancora meglio se accompagnato da esempi pratici. Per aiutarti, ecco qualche spunto interessante:

  • Se lavori sull’abbassamento del cortisolo (ormone dello stress), vai a ridurre indirettamente la ritenzione idrica;
  • Se offri trattamenti che lavorano a lungo termine sulla qualità del sonno, le rughe si attenuano e la pelle riscopre luminosità;
  • Se durante un trattamento accompagni la cliente verso una respirazione corretta, andrai ad eliminare i dolori cervicali e favorire la corretta ossigenazione dei tessuti;
  • Se offri un trattamento di vero e profondo rilassamento, andrai a placare l’ansia della cliente e, di conseguenza, i comportamenti ad essa associati (fumo o alcol eccessivi, fame nervosa)

“Dovrò abbassare i prezzi a causa delle difficoltà causate da questa situazione?”

È innegabile che il lock-down abbia avuto e continuerà forti ripercussioni sull’economia delle aziende e sull’economia familiare o personale. È altrettanto innegabile che una fetta di società si troverà a dover affrontare una minore capacità di spesa.

Tuttavia, ti consigliamo di soffermarti su un aspetto importante: se sarai in grado di fare una buona comunicazione, facendo leva sugli aspetti della salute più importanti, e sarai in grado di rispettarla con un’offerta adeguata, la tua clientela se ne renderà conto e, a fronte di un ritrovato benessere psico-fisico, sarà felice di pagare il trattamento e prenotarne un altro.

Se gestisci un centro estetico, una beauty spa all’interno di un hotel o una day spa, scrivici a info@nuvolaexperience.it per ricevere consigli o chiarimenti sulle strategie più adatte per la ripresa dopo un periodo così complicato e inaspettato. Saremo felici di risponderti, mettendo in gioco l’esperienza di Starpool, che da oltre 45 anni opera progetta e realizza soluzioni per il benessere della persona.